Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

L'Ambasciatore Varricchio all'Atlantic Council di Washington per una discussione sull'emergenza COVID-19.

Data:

19/03/2020


L'Ambasciatore Varricchio all'Atlantic Council di Washington per una discussione sull'emergenza COVID-19.

Washington, 19 marzo 2020. L'Ambasciatore d'Italia negli Stati Uniti d'America, Armando Varricchio, ha partecipato, insieme ai colleghi Ambasciatori di Singapore e dell'Unione Europea, ad una conferenza sulla risposta internazionale all'emergenza COVID-19 organizzata dall'Atlantic Council, uno dei più prestigiosi think-tanks della capitale.

Nel corso della conversazione cui hanno preso parte in collegamento remoto esponenti dell'Amministrazione, di società private, esperti e rappresentanti della stampa americana e internazionale, l'Ambasciatore ha offerto un quadro della risposta italiana all'emergenza non solo dal punto di vista sanitario ma anche politico, economico e sociale. Si tratta come hanno sottolineato tutti gli speakers di una prova complessa che pone tutta la comunità internazionale di fronte a scelte difficili e che sottolinea l'esigenza di una sempre più stringente collaborazione internazionale. Al riguardo l'Ambasciatore Varricchio ha ricordato le scelte senza precedenti nella storia del nostro Paese, la determinazione a preservare la natura di democrazia aperta della società italiana, il coraggio e la determinazione degli italiani e le numerose manifestazioni di solidarietà giunte da ogni parte del mondo.

L'Ambasciatore Varricchio ha evidenziato in particolare come i legami atlantici possano consentirci di affrontare questo passaggio con spirito di unità e determinazione. Egli ha poi sottolineato “la trasparenza dell'approccio italiano all'emergenza, che consente di condividere dati cruciali sul virus con la comunità internazionale, e l'importanza di evitare la circolazione di informazioni fuorvianti, ricordando ad esempio come gli export "made in Italy" siano del tutto sicuri.”


2358